Intestino felice

il-bagno-botero-by-lorena-casagrande

Se dopo molto peregrinare, cerchi ancora un aiuto vero ai tuoi problemi di stitichezza, dolori, gonfiori etcc., sei giunto nel posto giusto.

Consulta la sezione che ti interessa e prima di ordinare chiedici un consiglio. E’ gratuito, ed insieme renderemo il tuo intestino felice.

 

 

a lato riproduzione “il Bagno di Botero by L. Casagrande”

 

 

“il bagno è  la verità allo specchio”
 

 

sommario

    


 


 

  • Intestino pensante

 

uno sguardo d’insieme

Dopo anni a parlare dei problemi intestinali, mi è stato chiesto di fare una breve introduzione, che spiegasse il ruolo centrale dell’intestino nei processi infiammatori e quindi nella malattia, che vuol dire anche, a rovescio, la sua importanza nella salute.

 

Parlare dell’importanza di un organo in biologia è sempre limitante, proprio per il fatto che tutti gli organi sono connessi.

 

Nel caso dell’intestino, o meglio dell’apparato digerente che è un insieme di vari organi, il concetto di globalità lo è a maggior ragione.

 

Un primo sguardo ci fa intuire immediatamente le connessioni fra cervello–bocca–stomaco– fegato– intestino–organi riproduttivi

 

Ma se allarghiamo lo sguardo, vediamo che gli organi sono contenuti in strutture.. , colonna vertebrale, spalle, cassa toracica, muscoli e annessi addominali

 

intestino-annessi

 

 

Pertanto anche il contenitore influisce sulla funzionalità dell’insieme, il che significa che problematiche o tensioni al contenitore inevitabilmente si ripercuotono sugli organi interni: se respiriamo male inevitabilmente mandiamo in compressione lo stomaco.

Consideriamo pure che gli organi vicini “si parlano” e pertanto è facile assistere ad una estensione dei processi infiammatori.

 

Avviciniamoci di più :

 

  • L’intestino deve prendere decisioni rapide: pertanto si è dotato di una propria rete neuronale, che comunica con il cervello.

 

  • Deve comunicare con le altre parti del corpo: oltre alle vie nervose usa ormoni, neuropeptidi, citochine. Alcune di queste, come la serotonina, influiscono direttamente sul nostro umore. E’ chiaro che se siamo tesi, ansiosi, andremo a dare un segnale di blocco a tutto l’apparato digerente.

 

  • L’intestino deve svolgere oltre alla funzione digestiva e assorbente, anche una notevole funzione difensiva: è in prima linea . Pertanto è ricchissimo di strutture di difesa: è sede di circa il 70-80% del sistema immunitario

 

  • Il colon contiene migliaia di miliardi di batteri, che digeriscono circa il 30% del cibo, modulano la risposta immnunitaria, producono delle sostanze che aiutano a riparare l’intestino e influiscono sul cervello.

 

Se l’intestino si infiamma che succede:

 

La prima cosa che avvertiamo è il gonfiore addominale, dovuto allo spasmo dei muscoli che si contraggono e non fanno uscire l’aria.

Se l’infiammazione aumenta il corpo cerca di liberarsi delle cause e manda in scarica. Se l’infiammazione prosegue compare il muco e quindi il sangue.

 

Se ci avviciniamo alla mucosa potremmo osservare che si sono create delle lesioni, pertanto non è più in grado di assicurare il passaggio delle sostanze desiderate, ma passano nel torrente linfatico anche pezzi di batteri, o cibo non digerito.

 

Questo determina un carico importante al fegato e al sistema immunitario.

 

Se prosegue, si altera la risposta immunitaria con la comparsa o l’aggravamento delle patologie infiammatorie (allergie, artriti, tiroiditi, vasculiti etc..)

 

Poichè il fegato fa da filtro per tutto il sangue, avremo sintomi da intossicazione anche in organi lontani: mal di testa, emorroidi, afte e lesioni in bocca.

 

 

Lo stato di intossicazione e di malnutrizione si ripercuote direttamente sull’umore e sui pensieri.

Aumenta l’ansia e la facilità della depressione, che peggiora sempre più lo stato di chiusura dello stomaco e intestino.

Non mangiando legumi la flora batterica si riduce fortemente, si riduce la capacità digestiva, si crea uno squilibrio noto come “Disibiosi” che è la porta verso le cistiti e la candidosi sia vaginale che sistemica.

 

Naturalmente se non si interviene prontamente, si instaura un circolo vizioso che porta solo a peggiorare le cose: l’individuo mangia sempre peggio e quindi diviene sempre più intossicato e debole.

 

CHE FARE

 

cose semplici e logiche:

 

1) mettere a riposo gli organi infiammati

2) sfiammare

3) nutrire

4) far fluire l’energia

 

Se vuoi saperne di più consulta il

 

MANUALE PRATICO PER I DISTURBI INTESTINALI E LE INTOLLERANZE ALIMENTARI

 

234 pagine in versione elettronica formato EPUB, MOBI o PDF

a 5,99 Euro direttamente dal nostro SHOP

 

 

Romano Visentin

Biologo

 

 

 
   
   
   
   
   
 

 

   
 

2 pensieri su “Intestino felice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *