Home    Prodotti   Studi    Documenti    Per Ordinare    Contattaci                              
   

 

 

confezione da 0,5 lt

 

Blusterol  

La sua formulazione aumenta la motilità intestinale, favorendo il ripristino del tono.

La ricchezza in Omega-3, Vitamina E ed A, favorisce la normalizzazione della mucosa intestinale, e pertanto è frequentemente usato nelle stipsi con irritazione del colon, che si manifesta con gonfiore e dolore.

Vedi Esempi d'uso

 

Blusterol è un integratore alimentare; notificato al Ministero della Salute.

 

 

Consigli e schema di trattamento globale personalizzato gratuito.

 

 

 

 

 

confezione da 0,5 lt

Blusterol-Forte

La sua formulazione consente di sfruttare a piacimento  i due aspetti che lo caratterizzano: marcata azione  antinfiammatoria, aumento della motilità intestinale (minore rispetto al Blusterol).   L'assunzione frequente e a dosaggio ridotto esplica una azione prevalentemente antinfiammatoria.

Ottimo per alleviare i disturbi nella diverticolosi o nelle coliti.

Vedi  Esempi d'uso

 

 

Blusterol-Forte è un integratore alimentare; notificato al Ministero della Salute

 

Consigli e schema di trattamento globale personalizzato gratuito.

 

cliccare qui per vedere tutte le offerte

 

 OFFERTE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   Il buongiorno si vede

dal mattino

Chi sta visitando questo sito pensa di averle provate tutte perché il mattino sia di buon auspicio per il giorno. Ma vediamo un po' cosa possiamo dirvi di nuovo e di utile perché questa impresa riesca.

 

 

i pensieri dei nostri clienti.

"Mi chiamo Marta Rovacchi, .. due ricoveri d'urgenza per subocclusione intestinale ....

 

 

Tipicamente per capire quali trattamenti sono i più indicati per la stitichezza, vanno chiariti i seguenti aspetti:

  1. la stitichezza "semplice" è quella che  riguarda i soggetti che tollerano i cibi fibrosi: legumi (fagioli, ceci, lenticchie), coste, carciofi: in tal caso una soluzione efficace consiste nell'abbinata Blusterol + Stimul-Forte: aumento della massa, del tono e della funzionalità epatica.

  2. la  stipsi con colon irritabile si può presentare in due situazioni:

    •  infiammazione leggera con poche intolleranze alimentari: una soluzione rapida ed efficace consiste nell'abbinata: Blusterol-Forte + Stimul-Soft  azione antinfiammatoria, aumento della massa, del tono e della funzionalità epatica.

    • infiammazione elevata con gonfiore addominale elevato, numerose intolleranze alimentari, eventuali "spasmi" gastrici: in tal caso è richiesta una azione personalizzata che porta solitamente ad un netto miglioramento in 3 giorni , ed una rieducazione gastro-intestinale in circa 30-40 giorni. Il percorso è descritto sommariamente alla pagina Intolleranze

 

Le mie Feci

La prima domanda che vi dovete porre è come sono le vostre feci: caprine (a pallina), poche ed inconsistenti, collose, grasse, liquide etcc..

- Caprine: significa che

 la massa intestinale si disidrata eccessivamente  e ciò può essere dovuto a:

1) l'acqua che ingerite non è trattenuta nell'intestino e viene rapidamente riassorbita, disidratando le feci, ciò può significare che la dieta che fate è molto povera di fibre solubili (quelle che fanno una sorta di gel)

2) l'acqua che ingerite nella giornata non è sufficiente,

3)  intestino più lungo del normale con un maggiore assorbimento dell'acqua: esempio nei casi di megacolon.

4) transito rallentato per scarsa motilità (classico il caso di chi ha abusato dei lassativi antrachinonici "Senna, Cascara, Frangula, Rabarbaro" , del paziente allettato od in carrozzina o quello che assume farmaci antiepilettici) e pertanto la massa intestinale si disidrata per il prolungamento del tempo di persistenza oppure nei casi più difficili ci può essere la presenza di una o più stenosi (restringimenti intestinali) che ostacolano il passaggio del cibo o compressioni nel caso della gravidanza.

5) un fegato "pigro" con scarso rilascio di bile (che è il nostro lassativo naturale) , che potrebbe essere anche legato alla presenza di calcoli biliari.

- Blusterol e Blusterol-Forte aumentano la motilità e disinfiammano.

- Stimul-Soft è indicato per stipsi anche molto ostinata e con irritabilità al colon (Non tolleranti i legumi). Favorisce la formazione di una massa idratata e scorrevole, non irritante, facilita la digestione e il naturale stimolo post-prandiale.

- Stimul-Forte è indicato  per stipsi anche molto ostinata in soggetti tolleranti i legumi.

 

- Liquide: significa che

avete uno stato infiammatorio in corso, non necessariamente sostenuto da un'infezione batterica o virale, ma può essere anche un'intolleranza alimentare.

La mancanza dello stimolo è tipicamente legato alla mancanza di pressione meccanica a livello dell'ampolla rettale.

In tal caso è bene astenersi da cibi mal tollerati ed aiutarsi con prodotti che associano proprietà riequilibranti. Un valido aiuto lo potete trovare nel Blusterol-Forte e nel Paxacol  quindi si deve aumentare la consistenza e la quantità di massa.

- Collose, grasse: significa che

la dieta è molto povera in fibre, particolarmente di quelle solubili, ricca di zuccheri , amidi e carne ed il fegato od il pancreas potrebbero essere "pigri".

Come potete intuire dalle possibili cause, gli interventi per essere efficaci nei casi di stitichezza ostinata devono essere veramente personalizzati - e se siete arrivati a questo sito probabilmente avete fatto più tentativi.

Quello che noi possiamo offrirVi  sono degli ottimi prodotti sempre accompagnati da uno schema di trattamento globale personalizzato e dalla nostra pluriannuale esperienza condotta a fianco di medici e specialisti in terapie naturali.

Vedi  Esempi d'uso

Quindi vien da sè che nei casi di stipsi cronica persistente , tanto più se accompagnata da dolori o malessere, è sempre bene una visita dal gastroenterologo.

Autore:  Staff Livi

 

  Approfondimenti estratti dalla rete:

La stitichezza

 

 Intervista al Professor Pier Roberto Dal Monte

Che cosa è la stipsi o stitichezza?

Per stipsi s'intende una diminuita frequenza delle evacuazioni, accompagnate spesso da difficoltà ad eliminare le feci od una diminuzione della quantità di feci eliminate, pur mantenendosi normale la frequenza. La maggior parte degli individui ha una scarica alvina al giorno o una ogni due giorni, più raramente, come si osserva soprattutto nelle donne, si possono avere  anche meno di tre  cariche alla settimana: la riduzione della frequenza, e quindi la stipsi, è certa solo se l’evacuazione si verifica ogni tre o più giorni la settimana.

Cause della stitichezza

1.    Le cause che possono determinare la stitichezza sono molteplice, tra queste ricordiamo:

2.    Dieta inadeguata: una dieta con alimenti poveri di scorie - fondamentalmente i vegetali e i loro derivati - comporta un minor volume del contenuto intestinale capace di stimolare meccanicamente i movimenti peristaltici, movimenti che consentono la progressione delle feci nell’intestino e la loro eliminazione. Anche una dieta secca fa sì  che vi  sia  una scarsa quantità d'acqua  a disposizione  dalle fibre che la trattengono e si rigonfiano;  di conseguenza si ha la formazione  di una minore quantità di feci indurite, per cui lo stimolo è insufficiente a determinare una valida motilità intestinale.

3.    Fattori sociali ed ambientali. La stitichezza è più frequente nei paesi  “ civilizzati" del tutto inesistente tra i popoli “ primitivi” e negli animali liberi. L’unico animale che soffre la stipsi è il cane che convive con l’uomo e ne condivide le abitudini. Gli sforzi di volontà per controllare il bisogno dell'evacuazione sia per impegni lavorativi sia organizzativi o anche per la cattiva abitudine a rimandare malgrado lo stimolo, riducono la sensibilità della mucosa del grosso intestino-retto con diminuzione netta del riflesso all’evacuazione che è ulteriormente aggravato dall’essiccamento eccessivo delle feci.

4.    Stati emotivi (tensione nervosa o stress, depressione, paura). Facilitano l’insorgenza della stipsi per una diminuzione della motilità dell’intestino associata a spasmo soprattutto nell’ultima parte del colon quello di sinistra o colon discendente – sigma e col tempo un colon irritabile con Stipsi.

5.    Malattie dell’apparato digerente. Alcune malattie che talvolta hanno la stessa origine della stipsi e ne possono essere la causa, come il “colon irritabile” o certi casi di ulcera gastro – duodenale, ma anche alterazioni nella conformazione (colon più grosso o più lungo del normale) o lesioni dell’intestino possono essere causa di stipsi. Queste ultime sono dette stipsi organiche. In queste entrano anche delle forme cosiddette idiomatiche o “naturali” di cui non si sa ancora l’origine.

6.    Vita sedentaria. L’inattività fisica riduce notevolmente i movimenti del colon, che sono invece molto più vivaci in individui che svolgono intensa attività fisica. La stipsi dei prolungati periodi di degenza a letto ne è un esempio.

7.    Mutamento di abitudini o di dieta, allontanamento dalle proprie “comodità” soprattutto durante i lunghi viaggi o in concomitanza di cambiamenti della propria organizzazione di vita.

8.    Gravidanza. Durante la gravidanza sia per il cambiamento nella secrezione ormonale sia per la compressione esercitata dall’utero sulle anse intestinali si ha un alterazione meccanica e dei movimenti intestinali che ostacola il transito del materiale fecale.

9.    Uso di farmaci che diminuiscono i movimenti dell’intestino come i diuretici, alcuni antispastici, alcuni ipotensivi  o antibiotici / disinfettanti urinari e psicofarmaci.

10. Stipsi secondaria a lassativi. Molti individui credono che per mantenersi in buona salute sia importante evacuare l’intestino ogni giorno, e per ottenere ciò ricorrono ai purganti: il continuo uso di purganti determina irritazione della mucosa ed emissione spesso di feci piuttosto molli e questo a lungo andare disabitua l’intestino a svuotarsi da solo e determina perdita di acqua e sali importanti, come il potassio, necessari per l’organismo e per una buona motilità intestinale, aggravando la stipsi.

 

Effetti della stitichezza Innanzitutto ci sembra opportuno affermare che la stitichezza non causa tutti gli effetti dannosi attribuiti ad essa nel passato: ovviamente se sussistono delle malattie concomitanti, ad esempio gravi malattie epatiche, l’ingorgo dell’intestino può scatenare degli effetti indesiderati. Una stipsi di grado moderato può dare disturbi abbastanza lievi ma fastidiosi, come sensazione di gonfiore addominale, dolori in regione paraombelicale ed all’addome inferiore e superiore lateralmente specie a sinistra, sensazione d’ingombro intestinale e rettale, talvolta cefalea dovuta più alla preoccupazione per l’impossibilità di soddisfare il desiderio di svuotare l’alvo  che alla stipsi di per se’ stessa.

Gli sforzi compiuti per andare di corpo possono tuttavia provocare emorroidi, specie in chi ne è già predisposto, che si rivelano con  emissione di sangue rosso con le feci, dolore e/o prurito, fuoriuscita di gavoccioli venosi dall’ano, infiammazione e gonfiore (per trombosi delle emorroidi esterne).

Anche i diverticoli possono essere una complicazione dell’aumento della pressione intraviscerale nel colon per la stitichezza. I diverticoli del colon sono delle piccole tasche od estroflessioni che fuoriescono dalla parete in alcuni punti particolari,  spesso contigui, di minore resistenza della parete stessa del colon, quando la pressione interna raggiunge dei livelli tali da farli erniare.  I diverticoli possono infiammarsi e dare luogo ad una diverticolite ( con dolore o crampi nella parte sinistra dell’addome) e anche, seppure raramente, perforasi con conseguente peritonite.

Gli effetti della stitichezza possono essere peraltro dovuti agli stessi mezzi usati per combatterla :  lassativi che possono provocare dolori addominali, bruciori di stomaco, stanchezza ed altri sintomi connessi alla perdita di liquidi e sali a causa della continua eliminazione di feci liquide a causa del loro abuso. Talvolta per l’eccessivo uso di paraffina, vaselina o glicerina si può avere prurito anale e difficoltoso assorbimento di vitamine A,D,E,K.

CONSIGLI PRATICI

Gli individui affetti da stitichezza dovrebbero seguire le seguenti regole di ordine igienico e dietetico:

1.    I pasti devono essere distribuiti regolarmente. La colazione del mattino dovrebbe essere preceduta dall’assunzione di uno due bicchieri di acqua fresca per determinare i riflessi fisiologici che favoriscono la progressione del contenuto fecale, anche una caffè a digiuno può essere ugualmente utile.

2.    L’evacuazione dovrebbe essere fatta nelle prime ore del mattino o del pomeriggio, poiché la soglia di eccitabilità dell’intestino è più bassa e quindi più facile evacuare anche per lo stimolo data dalla bile che si scarica dopo il pasto.

3.    Rispondere alle sollecitazioni dell’intestino a svuotarsi: se si continua a rimandare  potrebbe divenire difficile liberarsi più tardi. 

4.    La posizione migliore per defecare dovrebbe essere quella accovacciata e quindi sono consigliabili W. C. non troppo alti.

5.    Bisogna concedere all’atto della defecazione un lasso di tempo adeguato e privo di interferenze esterne, meglio se con la distrazione di una lettura oppure fumando una sigaretta.

6.    Facilitano l’evacuazione esercizi fisici, ginnastica addominale, il moto, i massaggi.

7.    Una corretta educazione ad evacuare  sempre  agli stessi orari sin dall’infanzia  è di grande utilità perché educa le funzioni dell’intestino, tuttavia ciò può rischiare di condizionare psicologicamente l’individuo nell’età adulta che se non evacua almeno una volta al giorno tende a ricorrere ai purganti malgrado le buone abitudini possano essere ristabilite in breve tempo in modo naturale.

8.    L’uso di alcune acque minerali ricche di sali reperibili in commercio e direttamente in stazioni termali può dare dei vantaggi momentanei, poiché agiscono fondamentalmente come i purganti salini ( a base di solfato di magnesio o sale inglese o simili ).

CONSIGLI DIETETICI

Di fondamentale importanza è il tipo di dieta da attuare in corso di stipsi:

la dieta deve essere molto ricca di scorie, perché si aumenta il contenuto intestinale e si stimola così la peristalsi e l’evacuazione: importante anche in questa scelta il tipo specifico di cibo poiché ad esempio alcuni frutti, come le prugne, agiscono in senso facilitante l’evacuazione non solo perché ricche di scorie ma anche perché contengono delle sostanze a blanda azione lassativa.

Alimenti consigliati per dieta ricca di scorie

Diamo pertanto una lista parziale di cibi contenenti scorie che possono essere di grande utilità per liberare l’intestino, naturalmente possono essere anche altri che hanno un ugualmente un elevato contenuto di scorie come di seguito(vedi anche Tabella):

 


PANE: pane integrale, pane di segala integrale, crackers e biscotti integrali, fiocchi di cereali integrali. 

MINESTRE: minestroni e passati di verdura, minestre di legumi possibilmente non passati (fagioli, ceci, lenticchie, piselli) pasta integrale condita preferibilmente al pomodoro, riso greggio (non brillato), farro.

VERDURE: preferibilmente crude in abbondante quantità (sedani, finocchi, radicchio, insalata, pomodori, carote). Fra le verdure da cuocere preferite bietole, cavoli, cicoria, spinaci, fagiolini, piselli, carciofi, cardi. L’olio in genere dovrebbe essere usato a crudo

FRUTTA: cruda non sbucciata in abbondante quantità, meglio se consumata a digiuno (pesche, albicocche, uva, pere, ciliegie, fichi, mele, kiwi, datteri, agrumi).

Molto adatte le prugne secche o cotte. Succhi di frutta.

DOLCI: ciambelle fatte con farina integrale, marmellata di prugna.

Per ciò che riguarda: LA CARNE, IL PESCE, LE UOVA ED I FORMAGGI essendo assimilati quasi completamente non lasciano scorie, naturalmente non dovete per questo evitarli poiché sono necessari per le proteine ed i grassi che contengono.

L’uso di lassativi
Quando la stipsi non risponde ai consigli sopra riportati si può ricorrere con moderazione, vale a dire saltuariamente e per brevi periodi ai lassativi i quali possono essere distinti in:
- lassativi di volume
- lassativi di contatto
- lassativi emollienti
- lassativi osmotici
 Lassativi di volume
I lassativi di volume aumentano la massa fecale che stimola la peristalsi e possono essere considerati i più fisiologici. La loro azione non è rapida e può richiedere alcuni giorni.
Prima di assumere i lassativi di volume è utile aumentare l'introito giornaliero di fibre con l'alimentazione.
E' fondamentale ingerire un'adeguata quantità di liquidi per facilitarne l’azione ed evitare possibile occlusione intestinale. Sono infatti controindicati nell'occlusione intestinale.
I lassativi di volume sono utili nella gestione dei pazienti con: colostomia, ileostomia, emorroidi , fistole anali, diarrea cronica associata a malattia diverticolare, sindrome dell'intestino irritabile , e come terapia aggiuntiva nella colite ulcerosa.
La crusca integrale assunta con cibo e succo di frutta è la preparazione più efficace nel formare massa.
Nei pazienti che non tollerano la crusca può risultare utile assumere Metilcellulosa, Ispagula, Sterculia.
Lassativi di contatto.
I lassativi di contatto aumentano la motilità, irritando o stimolando i nervi intestinale.
 I lassativi di contatto possono dare origine a crampi addominali.
 I lassativi di contatto comprendono: Bisacodil, Senna, Cascara, Docusato, Glicerolo ( Glicerina ), Picosolfat, Olio di Ricino(considerato uno stimolante obsoleto).
Le supposte di Glicerolo agiscono come stimolanti a livello rettale.
L'utilizzo prolungato dei lassativi di contatto può causare atonia del colon ed ipopotassiemia.
Lassativi emollienti o lubrificanti
I lassativi emollienti sono utili come somministrazione orale nei pazienti con emorroidi e con ragadi anali, il principale è la Paraffina liquida ( Olio di Vaselina ) che presenta degli svantaggi: sgocciolamento di Paraffina con irritazione a livello dell'ano in caso di uso prolungato , reazioni granulomatose a seguito dell'assorbimento di piccole quantità di Paraffina liquida ( soprattutto per le emulsioni ). I clismi contenenti Olio di Arachidi lubrificano ed ammorbidiscono le feci impattate e stimolano la motilità intestinale.
Lassativi osmotici
I lassativi osmotici agiscono richiamando i liquidi nell'intestino ed aumentando il volume fecale.
L'Idrossido di Magnesio permette un rapido svuotamento intestinale di feci semiliquide.
 Il Lattulosio è un disaccaride semisintetico non assorbito a livello gastroenterico.
Produce diarrea osmotica con un basso pH fecale e previene la proliferazione della flora produttrice di ammonio (utile nell’insufficienza epatica).
 I clismi di Fosfati trovano indicazione per la pulizia dell'intestino prima di procedure radiologiche, endoscopiche e di interventi chirurgici.

Fonte: www.cup2000.it/cup2000/it/servizi/mol/doc/dalmonte//La%20stitichezza.DOC

 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo

Blusterol: stitichezza, irritabilità, colon, colite, dieta a zona, stipsi, colonpatia, megacolon, colon a balze, magnesio, fibra, novafibra, buonafibra, fibra solubile, ragadi, intestino pigro, intestino, diverticoli, diverticolosi, polipi, ano, emorroidi, psillo